Art, Photography
Leave a comment

AKZIDENZ OVERLAPS

È tradizionalista fino alle ossa, ma il risultato ai nostri occhi è più moderno che mai. Si chiama Akzidenz il fotografo che non ammette post-produzioni. Anche nell’epoca digitale, la camera oscura è il suo luogo preferito, ma gli effetti sulla sua pellicola mostrano estrema contemporaneità. Tagli, sovrapposizioni, giustapposizioni, sequenzialità: in un unico scatto racchiude oggetti del reale,  non solo documentati e rappresentati, ma inseriti in un racconto, spiegati, quasi vissuti.

 

He is conservative to the bone, but the result we can see is more modern than ever. He’s called Akzidenz the photographer who does not accept post-production effects. Even in the digital age, the darkroom rests his favorite place, but the effects in every photo show extreme modernity. Cuts, overlays, combinations, multi-exposures: a single shot contains objects of reality, not only documented and presented, but incorporated in a story, explained, almost lived. 

 

 

Nella vita da fotografo si esprime solo in bianco e nero, ma c’è un’altra parte di Akzidenz, la più creativa e colorata: è il suo lato da art director, conosciuto meglio come Philipp Bolthausen

Tra Parigi e New York lavora per i migliori brand e le influenze della sua indole da designer si vedono in ogni scatto: tra linee, geometrie e livelli, Akzidenz mostra la sua personale visione del mondo, in un linguaggio che mescola il vero e l’astratto.

 

In his life as a photographer he expresses himself only with black and white, but there is another part of Akzidenz, the  most creative and colorful one: that’s a side as an art director, mostly known as Philipp BolthausenBetween Paris and New York he works for the best brands and we can see the influences of his nature as a designer in every shot: with lines, shapes and levels, Akzidenz shows his personal vision of the world, in a language that mixes the real and the abstract. 

 

 

Non vanta un’educazione tecnica mirata alla fotografia, ma la resa visiva dei suoi lavori mostra talento e qualità: nel progetto Ad Rem i binari delle stazioni ferroviarie si sovrappongono formando incredibili texture con un gioco di luci, ombre e linee. Eppure traspaiono ancora gli oggetti, il fulcro della sua ricerca, da cui parte per sperimentare tutte le funzionalità della macchina fotografica.

 

He has not a technical education focused on photography, but the return of his work shows talent and quality. In the project Ad Rem, the rails of the railway stations overlap to form incredible texture with a play of light, shadows and lines. And yet there are still the objects, the focus of his research, from which he start to experience all the features of the camera.

 

Author: Kamilla Lucarelli

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *